INDICAZIONI e DISPOSIZIONI alla COMUNITÀ PER LE CELEBRAZIONI

INDICAZIONI e DISPOSIZIONI alla COMUNITÀ

per la GRADUALE RIPRESA delle CELEBRAZIONI LITURGICHE

in PRESENZA del POPOLO di DIO

Sabato 23 maggio ore 18

L’emergenza non è ancora finita, purtroppo; questa graduale ripresa voglio vederla come un germoglio di speranza che sta sbocciando e che deve nascere anche nel nostro cuore e che va coltivata. Come? Non buttando via i tanti sacrifici fatti finora, ma sentendoci tutti uniti e responsabili nel ripartire con il massimo della sicurezza, secondo quanto è nelle nostre possibilità. Tutti siamo chiamati a fare la nostra piccola, ma fondamentale parte in questo cammino.

Ecco, allora, alcune indicazioni pratiche che saremo tenuti ad adottare in questo periodo che, ci auguriamo, non duri a lungo, sperando gradatamente di tornare alla piena normalità.

Queste indicazioni valgono in particolare per la nostra comunità e parrocchia.

  • L’accesso alla chiesa per adesso sarà contingentato, cioè regolato, limitato, il che significa che ad ogni celebrazione potrà partecipare solo un determinato numero di persone, per rispettare la distanza di un metro l’una dall’altra. Ovviamente non si tirerà a sorte, né si potranno “prenotare i posti”, ma contiamo sul buon senso, sulla responsabilità e sulla pazienza di ciascuno.

  • Secondo le disposizioni che ci sono state date, il numero di capienza massima nella nostra chiesa parrocchiale è stato calcolato in 75/80 posti. Il posto da occupare sarà indicato da un adesivo colorato (per quanto riguarda i banchi). Le sedie non andranno spostate dalla posizione in cui sono sistemate. Alcuni posti (anche questi ben segnalati) saranno riservati a chi ha difficoltà a muoversi liberamente o è in sedia a rotelle. Esauriti tutti questi posti non si potrà più entrare in chiesa, non si potrà stare in piedi, per cui potrebbe esserci il rischio che, a malincuore, qualcuno debba tornarsene a casa (soprattutto nelle celebrazioni festive o in altre occasioni di maggiore affluenza).

  • In chiesa, i nuclei familiari saranno tenuti a rispettare il distanziamento come gli altri, per evitare di creare complicazioni nella sistemazione e per non superare la capienza massima stabilita.

  • Nel caso fosse proprio impossibile per qualcuno entrare in chiesa, confidiamo nella buona volontà e nel buon senso di ciascuno: il divieto è fatto nell’interesse di tutti e per rispettare le norme che sono state date, ricordandoci che solo rispettandole scrupolosamente possiamo salvaguardare la nostra e l’altrui salute e riprendere le nostre liturgie “a porte completamente aperte” al più presto.

  • In coscienza, ciascuno deve assumersi l’impegno e la responsabilità di non partecipare alla Messa se ha febbre pari o superiore ai 37,5 gradi o se è venuto a contatto con persone dichiarate “positive” al Covid-19 nei giorni precedenti.

  • ACCORGIMENTI E DISPOSIZIONI PER CHI ENTRA IN CHIESA:

  • È da evitare ogni assembramento sul sagrato e sulla porta della chiesa, sia prima che dopo la Messa e le altre celebrazioni;

  • Per l’ingresso, si accederà in chiesa passando esclusivamente dal portone principale;

  • Le porte saranno spalancate sia prima che dopo le celebrazioni per evitare che si debbano toccare maniglie e porte;

  • È necessario igienizzarsi le mani prima di entrare in chiesa (sarà a disposizione del gel igienizzante che un volontario doserà sulle mani di ogni fedele in sicurezza);

  • È necessario indossare la mascherina per coprire bocca e naso e di cui ciascuno dovrà munirsi;

  • Si continuerà a non avere l’acqua benedetta nelle acquasantiere, a non scambiarci il segno di pace e a ricevere la comunione esclusivamente sulla mano; non ci sarà la processione per andare a ricevere la comunione: essa verrà portata dal celebrante, dal diacono o dai ministri straordinari direttamente ad ogni fedele che rimarrà al proprio posto.

  • L’ingresso e l’uscita dalla chiesa saranno disciplinati da un gruppo di volontari, che ringraziamo fin d’ora e che, a turno, ci aiuteranno:

  • ad entrare e uscire dalla chiesa senza fare ressa, opportunamente distanziati;

  • ad igienizzarci le mani appena entrati;

  • a raggiungere il posto che ci sarà indicato.

Cerchiamo di apprezzare il servizio che verrà offerto da questi volontari, accettando di buon grado le loro indicazioni che verranno date nell’interesse di tutti e a vantaggio dell’intera comunità parrocchiale e per un più rapido svolgimento delle operazioni di sistemazione. Queste persone saranno a vostra disposizione.

  • Le norme che sono state indicate riguardano anche la sacrestia, nella quale, per ogni celebrazione, potrà accedere una sola persona. Quindi, ancora per un po’, dovremo fare a meno sia di alcuni preziosi volontari della sacrestia e sia dei nostri cari chierichetti. Speriamo davvero che arrivi presto il momento in cui le nostre celebrazioni potranno di nuovo contare sulla loro preziosa e piena collaborazione.

  • Anche del coro parrocchiale per un po’ dovremo fare a meno. Le norme prevedono soltanto la presenza di un organista e di qualche cantore (opportunamente distanziati tra loro) per intonare i canti. Gli altri potranno cantare dai rispettivi banchi, anche se, per ovvi motivi di igiene, sono stati ritirati i libretti dei canti.

  • Per ragioni di spazio, non stiamo ad elencare tutte le altre disposizioni che sono state date per l’areazione della chiesa dopo ogni messa, per l’igienizzazione degli ambienti, dei banchi e di quanto si usa per la Messa, come anche le indicazioni date ai celebranti e ai ministri straordinari. Ringraziamo anche chi si è dato e si darà disponibile per il prezioso servizio di pulizia e igienizzazione che andrà effettuata alla fine di ogni celebrazione sulle superfici venute a contatto con le persone.

  • Tutte queste indicazioni verranno riportate sulla pagina Facebook della parrocchia che, ovviamente, rimarrà attiva e, in sintesi, su un cartellone che verrà esposto all’ingresso della chiesa.

  • Desideriamo assicurare che cercheremo di fare tutto con scrupolo e diligenza, nell’interesse e per la salvaguardia della salute di ognuno. Cerchiamo di aiutarci a vicenda in questi sforzi, nella certezza che, come in questi giorni da molte parti si va ripetendo, INSIEME CE LA FAREMO.

Non dimentichiamo che quello che ci viene offerto è un segnale positivo, dopo quanto abbiamo vissuto e portato in cuore in questi lunghi mesi. Veniamo in chiesa con la gioia di incontrare una persona viva, Gesù risorto, lasciandoci incontrare da lui, nonostante e oltre le misure di sicurezza che abbiamo elencato e che saremo tenuti a rispettare. Tutto questo non può fermare la nostra fede, anzi! Non lasciamoci ingabbiare da ciò che dovremo osservare, non lasciamoci dominare dalla paura, sentiamoci davvero comunità in cammino, condividiamo le fatiche e le attese gli uni degli altri, viviamo questa ripresa non da diffidenti, ma con fede, gioia e speranza! E con il sorriso: questo non ce lo può togliere nemmeno la mascherina! Grazie fin d’ora per la vostra pazienza e disponibilità!! Vi aspettiamo con gioia!!

INDICAZIONI e DISPOSIZIONI alla COMUNITÀ PER LE CELEBRAZIONI
Mary'73 Parola

Mary'73 Parola

Ciao a tutti! Roatese dalla nascita,sono titolare della "Cartolibreria L'Aquilone". Svolgo alcune attività in parrocchia, sono attiva nel comitato festeggiamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 2 =